Magia da un cappello di L. Ron Hubbard

[immagine] Considerando la pura e semplice quantità di materiale scritto, necessaria per sopravvivere nella giungla minacciosa dei pulp, gli scrittori del settore avevano spesso grosse difficoltà a trovare idee. Raymond Chandler, che scriveva in modo altamente stilizzato ed era quindi relativamente lento, riciclava regolarmente le proprie opere, se non altro per avere di che sfamarsi a un penny a parola. In base al ragionamento che ciò che va bene al gallo va bene anche alle galline, c’era chi parlava di riutilizzare trame di avventure artiche trasformandole in racconti sul Sahara, e avvitamenti aerei in thriller degli abissi. Un esempio ancora più pertinente è quello del succitato Richard Sale, che diceva di trarre ispirazioneda qualunque oggetto si trovasse nel suo ufficio e sembrasse suggerirgli un racconto: una bottiglia vuota di whisky, un accendino ammaccato, una manciata di monetine. Analogamente giungiamo al comune cestino della carta straccia di A. J. Burks e alla “Magia da un cappello” di Ron.

Magia da un cappello di L. Ron Hubbard


PrecedenteNavigation BarSuccessivo

| Precedente | Glossario | Indice | Successivo |
| Questionario | Sito di Riferimento | Libreria | Prima Pagina |


L. Ron Hubbard, L'Écrivain | L. Ron Hubbard, Lo scrittore
L. Ronald Hubbard, El escritor | L. Ron Hubbard, Der Schriftsteller
L. Ron Hubbard, The Writer

Contact Us
© 1998-2004 Church of Scientology International. Tutti i diritti riservati.

Per informazioni sui marchi d'impresa


Bookstore Content Home Page